Italian

Sessioni di Jeff: chi soffre di dolore cronico dovrebbe “prendere un’aspirina e resistere”

Jeff Sessions non gliene frega un cazzo dell’epidemia di oppioidi.

Durante un discorso presso l’ufficio del Procuratore degli Stati Uniti a Tampa, in Florida, questa settimana, il Procuratore Generale  Jeff Sessions ha affermato che le persone che soffrono di dolore cronico dovrebbero semplicemente “prendere un’aspirina e metterla a dura prova.

Le sessioni, la cui opposizione alla marijuana medica è ben nota, hanno tentato di affrontare il problema della dipendenza da oppioidi negli Stati Uniti, affermando che le case farmaceutiche prescrivono “troppi oppioidi” – un sentimento che le persone di tutto lo spettro politico sarebbero d’accordo.

Ma la prossima dichiarazione di Sessions ha dimostrato un profondo fraintendimento e una semplificazione eccessiva dei malati di dolore cronico.

“Le persone hanno bisogno di prendere qualche aspirina a volte e duro fuori”, ha detto secondo il Times Tampa Bay. “Puoi passare attraverso queste cose.”

Caricamento in corso…

Parlando al Tampa Bay Times, il direttore esecutivo dell’Academy of Integrative Pain Management, Bob Twillman, ha affermato che i commenti di Sessions dimostrano che l’amministrazione Trump non sa nulla sull’argomento del dolore cronico.

“Questa osservazione riflette il mancato riconoscimento della gravità del dolore di alcuni pazienti”, ha affermato Twillman. “È un’osservazione irragionevole. Illustra ulteriormente come le parti non a contatto dell’amministrazione siano con oppioidi e gestione del dolore. “

In un discorso alla Heritage Foundation questa settimana, Sessions ha incolpato la crisi degli oppioidi in parte sulla marijuana in un rifacimento della vecchia teoria del “pot è un farmaco di base”.

“La DEA ha affermato che un’enorme percentuale della dipendenza da eroina inizia con le prescrizioni. Potrebbe essere un numero esagerato; l’hanno avuto fino all’80% “, ha affermato Sessions. “Pensiamo che molto di questo sta iniziando anche con la marijuana e altre droghe”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *