Italian

Dietro gli strass, paillettes, abiti sexy e tappeti rossi a volte nascondono terribili sofferenze.

Dietro gli strass, paillettes, abiti sexy e tappeti rossi a volte nascondono terribili sofferenze. Per spiegare la cancellazione del suo tour europeo, la cantante americana Lady Gaga ha rivelato la sofferenza della fibromialgia, una malattia che colpisce circa il 4% della popolazione mondiale, l’80% delle quali sono donne. Prima di lei, è stato l’attore Morgan Freeman a dichiarare apertamente di avere a che fare con  “un male che rode ed esaurisce”  poiché anch’esso colpito da questa malattia.

Annunci multimediali che sono una vera release per i pazienti. Per Valérie, la quarantena buona, questa malattia ha “mangiato” gran parte della sua vita. “Ogni giorno, mi lamentavo di un dolore intenso senza essere creduto, ero spesso soprannominato il paziente immaginario. Questa etichetta avrebbe potuto essere devastante. Mi strinsi. Altri, di fronte a questa ingiustizia, affondarono nella depressione con pensieri a volte suicidi.

Una storia quasi come ogni giorno nel suo ufficio del Timone Dr. Stéphanie Ranque il centro di valutazione e trattamento del dolore (Assistenza pubblica – Ospedali di Marsiglia). “La fibromialgia è una patologia confusa,  ammette lo specialista. Da  un lato, si ha un paziente che si lamenta di essere esausto, con dolore ovunque, che soffre di sintomi multipli, l’altro una diagnosi difficile da stabilire perché gli attuali esami radiologici, clinici e biologici non mostrare anomalie, ma il dolore è molto reale, come gli altri sintomi. “

Riconosciuta dal 1992 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la fibromialgia è ancora scarsamente percepita dalla popolazione generale e da alcuni medici che spesso la considerano un’espressione di disturbi psicosomatici. Soprattutto perché il ritratto tipico della fibromialgia è la donna di 50 anni. ”  Siamo vicini all’abuso di questi pazienti quando mettiamo in discussione la veridicità delle loro parole, ha detto  Stéphanie Ranque . Tuttavia  , potremmo ammettere che la malattia è in parte nella testa poiché è una sindrome neuro -Infiammatoria.Dalla origine del disturbi, troviamo un’ipersensibilità del sistema nervoso che disfunzioni, aumentando o creando la sensazione di dolore dove non dovrebbe esserci, ea volte anche la penuria imbarazzante dei test delle impronte digitali del cancro del colon-retto

Infatti, i quattro principali sintomi legati alla patologia sono dolore diffuso e permanente con momenti di crisi più intensi, un’immensa stanchezza che dura nel tempo e peggiora a riposo, un sonno irrequieto, un disagio cognitivo. “Questo è combinato con una pletora di molteplici e vari segni che possono influenzare i sistemi digestivo, urinario e cutaneo”,  dice il dottore.Caricamento in corso…

Attività fisica come antidoto

L’origine della malattia è ancora abbastanza misteriosa. Se non è né  “contagioso”  né ereditario, la ricerca ha reso possibile l’aggiornamento di 400 geni coinvolti in esso. “Questi geni sarebbero il terreno fertile per la malattia ma non la firma, e i primi segni potrebbero comparire dieci anni circa prima della diagnosi”.

D’altra parte, i fattori scatenanti sono molteplici come Stéphanie Ranque. “Shock emotivo o fisico, infezione (Epstein Barr, malattia di Lyme), malattie dolorose come l’artrite reumatoide o la sclerosi multipla.”

Se non esiste una medicina veramente efficace per curare la malattia, la medicina può attenuare il dolore. Per fare questo, utilizziamo trattamenti non farmacologici come pratiche fisiche, gestione dei ritmi, emozioni e stress (terapia cognitivo-comportamentale), apprendendo tecniche psicocorporali (autoipnosi, meditazione consapevole …). Alcuni analgesici deboli possono essere usati durante le convulsioni. In alcuni casi sono disponibili anti-epilettici o antidepressivi, ma a  basse dosi possono essere utili per calmare l’ipereccitabilità del sistema nervoso, ma ci sono farmaci come la morfina e i farmaci antinfiammatori che sono controindicati . Nel complesso ciò che funziona meglio è il riconfezionamento fisico con la pratica quotidiana dell’attività fisica, regolare, ragionata e ragionevole, “Dice il dott. Ranque. Il movimento immobile è davvero controproducente poiché  ” l’antidoto alla fatica viene fuori dai muscoli in movimento. “  Al contrario, la pratica intensiva è proibita. “Non dovrebbe essere troppo lungo o continuo. Frazionamento, calibratura adeguata, sono gli elementi chiave per garantire che non vi sia esacerbazione del dolore. “

Al Timone, il Dr. Ranque ha lanciato uno studio tre anni fa per valutare l’impatto dell’attività fisica regolare sul miglioramento dei sintomi e della qualità della vita. “Dovremmo avere i risultati finali in un anno  .”  Nella conoscenza di questa malattia, c’è ancora molto da fare, ma stiamo avanzando con nuovi passi ogni giorno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *