Italian

Contro la depressione: meno farmaci, più spiritualità ed esercizio, dice lo psichiatra

La prescrizione, a prima vista non ortodossa per uno psichiatra, è del Dr. Jorge Jaber, un professore post-laurea in psichiatria al PUC-Rio e un laureato in chimica alla Harvard Medical School.

Si celebra l’evoluzione dei farmaci per i pazienti che usano antipsicotici (pazienti con schizofrenia o disturbo bipolare, per esempio), ma avverte del preoccupante abuso di diazepini i cosiddetti “tranquillanti” o ansiolitici – che possono portare a un deterioramento della salute mentale e fisico. Ricorda che dormiamo meno con l’età e l’esercizio fisico può essere il miglior agente per regolarizzare il sonno, non i rimedi che portano alla dipendenza.

“Usare i farmaci non è abbastanza”, dice. “È importante per la persona  esercitare  , impegnarsi in attività di natura spirituale o legate all’arte, che sono diventate persino più accessibili agli anziani. Siamo il risultato di genetica e ambiente. Ciò non solo altererà la risposta genetica, ma avrà anche una grande influenza nel creare un nuovo modo di vivere. “

Il Dr. Jaber consiglia anche tecniche di meditazione, come la consapevolezza, un metodo progettato per alleviare l’ansia e lo stress. L’obiettivo è di attirare l’attenzione sulla respirazione e le sensazioni corporee, come la tensione muscolare o il dolore. L’attenzione a ciò che il corpo ci dice è il più grande apprendimento nell’esperienza di consapevolezza, così che possiamo rilassarci in qualsiasi ambiente. “La spiritualità modifica la prognosi della malattia”, insegna.

Secondo lei, un punto di attenzione è il crescente numero di casi di  depressione  e tra le donne anziane: “Spesso si sentono senza un ruolo sociale definito perché non hanno una carriera o un’attività gratificante. Inoltre, i bambini sono cresciuti e molti si risentono della mancanza di una relazione stabile. Il risultato è che non riescono a vedere le possibilità. “

La diagnosi è dovuta all’osservazione di una serie di fattori: mancanza di interesse per le cose, problemi di memoria, cambiamento di appetito e sonno (per più o meno) e irritabilità.Caricamento in corso…

Secondo il Dr. Jorge Jaber, non si può affermare categoricamente che l’invecchiamento è associato alla depressione: “quello che succede è che nella maggior parte dei casi questa depressione non è stata correttamente diagnosticata nel primo o nel secondo episodio.

Questi episodi si ripresentano e diventano lo standard nella vita del paziente. E ancora una volta rinforzo: l’esercizio fisico produce neurotrasmettitori che funzionano nella prevenzione della depressione. “

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *