L’abuso è la causa principale della fibromialgia

La fibromialgia è un disturbo del dolore, con sintomi che vanno dal dolore muscolare e intorpidimento degli arti ai disturbi del sonno. L’infiammazione e la reazione del corpo allo stress attraverso le complesse interazioni tra il cervello e altri organi svolgono un ruolo nella fibromialgia. Può essere difficile evitare le tensioni che la vita moderna ci getta, ma sicuramente ci sono molte cose su cui abbiamo il controllo che possono aiutare ad alleviare i sintomi di questa condizione, tra cui lo stile di vita e le abitudini alimentari.

L’abuso è la causa principale della fibromialgia

Non esiste una risposta semplice o unica ragione per cui l’abuso o il disagio emotivo possono scatenare la fibromialgia. Lo stress emotivo può indebolire la tua capacità di proteggerti da varie malattie del dolore cronico, come la FMS. Si ritiene inoltre che vi sia un legame tra traumi emotivi, insonnia, mal di testa, dolore e altri sintomi. La vittimizzazione in tenera età può avere un grave impatto a lungo termine.

Sembra che l’abuso emotivo sia stato preso meno sul serio dell’abuso fisico, dal momento che non ha segni esterni, come lividi o ossa rotte. Tuttavia, i più alti casi di abuso emotivo, specialmente nell’infanzia, ma anche in età adulta, associati a persone che hanno la fibromialgia indicano la necessità di essere consapevoli della possibilità di sviluppare la fibromialgia.

trauma infantile

Le esperienze traumatiche e lo stress nell’infanzia sono stati storicamente trascurati come fattori predisponenti nello sviluppo di vari disturbi del dolore cronico e disturbi psichiatrici, tra cui fibromialgia, sindrome dell’intestino irritabile, insonnia, depressione, ansia, disturbo post-traumatico e sindrome da affaticamento cronico. Tuttavia, la marea sta cambiando mentre la ricerca rivela una correlazione significativa tra il trauma infantile e la salute degli adulti.

Il sistema nervoso centrale si sviluppa rapidamente durante l’infanzia ed è condizionato per rispondere a vari stimoli di stress che si trovano nella vita. Quando viene trovata una varietà di stimoli ambientali, vengono creati nuovi percorsi tra le cellule cerebrali in risposta a ciascuno stimolo.

Ad esempio, un’esperienza piacevole, come un abbraccio da un genitore o un cibo dolce, crea modi che insegnano al cervello a rispondere con piacere a questi stimoli. Allo stesso modo, un’esperienza terrificante creerà ed eserciterà percorsi che rispondono con paura.

Questo processo di creazione di nuovi percorsi in risposta agli stimoli è chiamato neuroplasticità. Con l’avanzare dell’età, la plasticità neuronale diminuisce, il che significa che è più difficile sviluppare nuovi percorsi e regolare le risposte del cervello agli stimoli. I bambini hanno un chiaro vantaggio di avere un alto grado di plasticità neuronale.

Tuttavia, ciò evidenzia anche l’importanza di fornire stimoli significativi al cervello in via di sviluppo, per garantire lo sviluppo di percorsi positivi.

Le esperienze traumatiche correlate alla fibromialgia includono:

  • << Accidente
  • << Trauma emotivo
  • << Alcuni virus come l’epatite C e l’HIV
  • << Una separazione nell’infanzia da sua madre e che è durata più di 6 mesi.
  • << vita attraverso una guerra.

Leggi di più   “La fibromialgia è legata allo stress e alle emozioni negative dei bambini non trattati

abuso sessuale

Secondo gli studi, circa il 30-40 percento degli adulti ha subito abusi fisici, emotivi o sessuali durante l’infanzia. Altri studi suggeriscono che le statistiche effettive potrebbero essere molto più elevate e riportate. Diversi studi hanno esaminato il ruolo dell’abuso sessuale e della fibromialgia in particolare, e i risultati sono sorprendenti. In diversi studi, circa il 65% delle donne con fibromialgia ha riportato abusi sessuali.

Sebbene i ricercatori non sappiano esattamente come o perché l’abuso sui minori sia legato alla fibromialgia, è importante tenere conto del ruolo dell’abuso nelle misure adottate per curare e controllare i sintomi della fibromialgia. Gran parte della ricerca sull’abuso e la fibromialgia è emersa negli ultimi 5-10 anni. Ciò significa che ci sono poche prove che individuano come l’abuso possa influenzare i sintomi della fibromialgia in futuro.

Uno studio del 1995 condotto dalla McGill University in Canada ha scoperto che in un gruppo di 83 donne con fibromialgia e 161 donne nel gruppo di controllo, il 37% delle donne nel gruppo con fibromialgia aveva subito abusi sessuali durante l’infanzia.

Solo il 22% delle donne nel gruppo di controllo ha riferito di abusi sessuali nell’infanzia. Le donne nel gruppo fibromialgia hanno anche riportato livelli più elevati di abuso fisico (18 percento contro 4 percento), abuso di droghe (16 percento contro 3 percento) e abuso sessuale permanente (17 percento contro 6 percento).

Di particolare interesse è uno studio condotto a Birmingham, in Alabama, che suggerisce che le persone con fibromialgia avevano statisticamente più probabilità di avere una storia di abusi sessuali o fisici passati, sebbene altri studi sembrassero negare questi risultati.

I risultati di uno studio pubblicato dall’American College of Rheumatology nella sua rivista, Arthritis and Rheumatism hanno mostrato che il 65% dei pazienti con fibromialgia ha riportato abusi sessuali in passato, rispetto al 52% dei partecipanti sani di controllo. Questo studio ha scoperto che i pazienti con fibromialgia con una storia di abuso hanno riportato più sintomi rispetto ai pazienti con fibromialgia che non hanno una tale storia d’infanzia.

I ricercatori hanno considerato che lo studio ha dimostrato che solo una storia di abuso ha causato una maggiore gravità dei sintomi della fibromialgia, sebbene tale abuso non sembri essere la causa della sindrome stessa.

I pazienti con fibromialgia con una storia di tale abuso in passato farebbero bene a discuterne con i loro fornitori di servizi. La terapia è sempre raccomandata come rimedio per l’abuso e i pazienti con fibromialgia non fanno eccezione alla regola. Nessuno può dirlo con certezza, ma ha senso che affrontare le conseguenze di un simile abuso può solo aiutare i pazienti con fibromialgia a migliorare la qualità della vita.

Il trattamento raccomandato

I trattamenti consigliati includono consulenza, terapia cognitivo-comportamentale, ipnoterapia, terapie post traumatiche da stress e farmaci antidepressivi come Cymbalta (duloxetina) ed Effexor (venlafaxina).

Soprattutto, quando si prende cura di qualcuno che ha dolore senza patologia del tessuto trasparente o che ha riconosciuto intensificato il trattamento del dolore emotivo, rassicurare la persona che l’esperienza del dolore non è nella sua testa, ma piuttosto nel suo sistema nervoso.

Loading...

Leave a Reply