SINDROME DI BIBLIO FIBROMYALGIA E IRRITABILE

Sindrome dell’intestino irritabile, caratterizzata da crampi addominali, gonfiore e cambiamenti nella funzione intestinale, IBS è una condizione molto scomoda, che può interferire con tutti gli aspetti della vita.

COL

La fibromialgia è spesso associata a IBS e ovunque tra il 30% e il 70% dei pazienti con fibromialgia dovrà combattere questa malattia. Infatti, sempre più ricerche indicano che le cause di fibromialgia e IBS sono simili e forse addirittura identiche. Se hai sintomi di IBS con la sindrome fibromialgica, continua a leggere per saperne di più su questa malattia. Esiste una connessione tra SII e Fibro?

Cos’è la sindrome dell’intestino irritabile?

L’IBS  è una condizione che colpisce l’intestino crasso, comunemente chiamato intestino. È caratterizzato da un’estrema sensibilità alle contrazioni muscolari nell’intestino crasso, che possono causare sintomi come diarrea e stitichezza.

Come la fibromialgia, l’IBS è classificata come un disturbo funzionale perché non esiste una chiara causa strutturale o chimica per la malattia.

Si ritiene che IBS colpisce il 70% delle persone con fibromialgia. Tende a colpire le donne più degli uomini, anche se un gran numero di uomini, donne e bambini sono affetti dalla sindrome.

In generale, le donne hanno una probabilità tre volte maggiore di sviluppare IBS. Le persone con fibromialgia e IBS tendono a soffrire di sintomi più gravi rispetto a quelli con una sola delle sindromi. Se hai sintomi di IBS e fibromialgia, è importante trovare un trattamento che possa trattare entrambe le sindromi.

Inizio della sindrome dell’intestino irritabile

Come la fibromialgia, l’IBS tende a verificarsi dopo un evento di vita particolarmente traumatico o stressante. IBS può iniziare dopo una malattia, una mossa o iniziare un nuovo lavoro. Come la fibromialgia, lo stress è una delle maggiori cause o sintomi della sindrome dell’intestino irritabile.

Lo stress esacerba le contrazioni, la diarrea, la stitichezza e la flatulenza. Altri fattori scatenanti includono alimenti specifici, in particolare cioccolato, latticini e alcol, alcuni odori e alcuni farmaci.

I sintomi della sindrome dell’intestino irritabile

IBS non è una malattia molto piacevole da avere. A seconda della gravità, IBS può davvero avere un impatto sulla tua vita quotidiana, rendendo impossibile partecipare alle funzioni sociali, andare a lavoro o a scuola, o anche viaggiare a breve distanza da casa tua. Se si dispone di IBS, probabilmente si verificheranno questi tre sintomi:

  • Dolore addominale alleviato dai movimenti intestinali.
  • Cambiamento nella frequenza dei movimenti intestinali.
  • Cambiamento nell’aspetto dei movimenti intestinali.

L’IBS è una malattia cronica che tende a peggiorare nel tempo o è aggravata da determinati alimenti o farmaci. Se soffri di IBS, dovresti anche tenere un registro degli alimenti che hai mangiato e dei tuoi sintomi.

Se si dispone di IBS, è possibile che si verifichino alcuni o tutti i seguenti sintomi:

Crampi addominali gravi o gravi

Gonfiore dopo aver mangiato

flatulenza

nausea

Mancanza di appetito

Sgabelli molto sciolti o acquosi

Sgabelli molto duri, come i ciottoli

Depositi ricoperti di mucosa fibrosa

Più di 3 movimenti intestinali al giorno.

Urgenza estrema o incontinenza fecale

Causa della sindrome dell’intestino irritabile

Le cause di IBS sono ancora sconosciute; tuttavia, ricerche recenti mostrano che la sindrome di IBS può essere causata da un problema con i neurotrasmettitori nel cervello, proprio come la fibromialgia.

Simile alla fibromialgia, l’IBS è spesso considerata una malattia causata da motivi psicologici, come lo stress.

Tuttavia, nuovi studi dimostrano che i fattori psicologici potrebbero non essere gli unici a giocare la causa della malattia.

Per eliminare gli sprechi in eccesso dal tuo corpo, l’intestino si contrae ed espelle le feci dal tuo corpo. Le persone con IBS sembrano avere un intestino iperattivo che si contrae continuamente. Questa contrazione continua provoca crampi, gonfiore e difficoltà intestinali associate alla malattia.

Sensibilità extra

Si ritiene che le persone con IBS abbiano un’ulteriore sensibilità al dolore e alle contrazioni che si verificano nel loro tratto gastrointestinale. Questo è molto simile alle persone con fibromialgia, che hanno un’estrema sensibilità ai muscoli e ai dolori della pelle.

È stato teorizzato che entrambi i disturbi sono causati da problemi con la capacità del cervello di elaborare segnali di dolore. In qualche modo, il cervello interpreta i segnali del dolore come molto più intensi di quanto non siano in realtà, causando un serio disagio e, a volte, persino una disabilità.

Fibromialgia e sindrome dell’intestino irritabile

Per le persone che soffrono sia di fibromialgia che di IBS, è importante capire in che modo le due malattie possono influenzarsi a vicenda. Fino al 70% delle persone con fibromialgia ha IBS; Allo stesso modo, 1 su 5 pazienti con IBS ha fibromialgia.

Trattare entrambe le malattie allo stesso tempo può essere molto difficile perché i sintomi tendono ad essere molto più gravi.

IBS peggiora i sintomi fibrosi

Studi recenti hanno dimostrato che le persone che hanno IBS e fibromialgia soffrono di sintomi che sono il 38% più gravi di quelli che hanno una sola malattia. L’IBS tende ad esacerbare il dolore e l’affaticamento della fibromialgia, mentre la fibromialgia tende ad aumentare la gravità e la frequenza dei sintomi dell’IBS.

Gli studi mostrano anche che le persone con entrambe le malattie tendono ad avere una qualità della vita peggiore rispetto a quelle con una sola. Ciò è dovuto alle limitazioni che la malattia può apportare al tuo stile di vita quotidiano.

Trattamenti SII

Le opzioni di auto-trattamento sono spesso molto utili per coloro che soffrono di forme lievi di sindrome dell’intestino irritabile. Un modo semplice per trovare sollievo per i sintomi, tra cui costipazione, diarrea e gas, è attraverso semplici cambiamenti nella vostra dieta.

Tenere un diario degli alimenti che si mangia e di eventuali sintomi che si verificano in seguito. Se noti che determinati cibi scatenano i tuoi sintomi, cerca di ridurli o eliminarli.

Per coloro che soffrono di stitichezza, cerca di aumentare la quantità di fibre nella tua dieta mangiando più cibi integrali. Cerca di bere da 8 a 10 bicchieri d’acqua ogni giorno per alleviare la stitichezza e la diarrea.

Lo stress e l’ansia spesso esacerbano i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile. Questo perché i recettori nel cervello sono direttamente collegati ai nervi del tratto gastrointestinale. Cerca di ridurre lo stress dormendo correttamente, esercitando quotidianamente e ricevendo consigli per i tuoi bisogni emotivi.

Trattamenti medici

A volte, gli auto-trattamenti non sono sufficienti per combattere la sindrome dell’intestino irritabile. Parlate con il vostro medico di farmaci che possono aiutare a ridurre i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile e aumentare il livello di comfort.

Lassativi e ammorbidenti delle feci sono spesso l’approccio di prima linea per il trattamento della stitichezza causata dalla sindrome dell’intestino irritabile.

Se soffri di diarrea, potresti provare i farmaci antidiarroici o antispastici. Gli antidiarroici aiutano ad alleviare il dolore e i crampi causati dalla diarrea.

I farmaci di prescrizione antispasmodica agiscono per alleviare la diarrea rilassando i muscoli della parete intestinale. Riducono anche le contrazioni e i crampi causati dalla diarrea.

Leave a Reply

Scroll to Top