Sindrome da stanchezza cronica, molto più che essere stanchi

Siamo stati tutti esausti e doloranti dopo un’intensa giornata a livello fisico e / o mentale e sappiamo quanto è bello riposare o dormire e recuperare, con nuove energie per affrontare qualsiasi compito. 

Riesci a immaginare che non sia successo, che quando ti sei svegliato ti sentivi lo stesso, o anche più stanco, di quando hai iniziato il resto? È un’immagine molto semplice, ma può darci un’idea di ciò  che comporta questa  complessa malattia che comporta un grave disturbo biochimico.

Una persona che soffre  della Sindrome da Stanchezza Cronica è permanentemente esausta,  senza forza e generalmente soffrendo dolore, qualcosa che rende molto difficile mantenere una buona qualità della vita. 

La  Società Spagnola di Medicina Interna  (SEMI) ritiene che l’affaticamento cronico o l’astenia possano essere menzionati, quando l’affaticamento e la mancanza di energia  dura più di sei mesi  e indica che può  ridurre del 50% o più  la capacità di eseguire, con Normalità, il più semplice azioni quotidiane.

Sintomi, cause e trattamenti

L’origine di questa malattia è varia e non sempre chiara. Qualche alterazione del sistema immunitario, disfunzioni nel sistema muscolare o neuromuscolare, presenza di qualche patologia di carattere oncologico, possono essere alla base di questo disturbo, ma non sempre è una ragione concreta che spiega la fatica e quel dolore. 

Per questo motivo la  Società Spagnola di Fibromialgia e Sindrome da Stanchezza Cronica  (Sefifac) insiste che  questa è una malattia in sé e come tale dovrebbe essere trattata  .

Questa società sottolinea che il dolore e l’affaticamento causati dalla sindrome è duplice, da un lato  fisico  e dall’altro  sociale,  perché non in tutti i casi si comprende la differenza tra una stanchezza logica o un dolore causato da una circostanza specifica e stanchezza cronica, che è incapace e difficile da diagnosticare. 

In questo senso, diverse associazioni di Sindrome da Stanchezza Cronica hanno recentemente espresso il loro  rifiuto della guida pubblicata dall’INSS  su questa e altre malattie perché ritengono che alcune delle loro raccomandazioni, come la pratica dell’esercizio graduale, non siano le più appropriate per persone che soffrono di questa patologia.

La malattia può colpire chiunque, anche se il suo aspetto è più frequente nell’età adulta, tra i 40 e i 60 anni. Oltre alla stanchezza estrema, altri sintomi che possono essere associati sono disturbi del sonno, frequenti mal di testa, nonché nei muscoli e nelle articolazioni (fibromialgia), mancanza di appetito, difficoltà di concentrazione e deterioramento della memoria …

Per quanto riguarda i trattamenti, le indagini continuano a trovarne uno efficace. L’  uso di farmaci contro il dolore  e le raccomandazioni sulle abitudini e sulla dieta sana sono alcune delle soluzioni che cercano di alleviare questa sindrome con cui vivere tutti i giorni, è davvero uno sforzo.

Loading...

Leave a Reply