Fibromialgia A poco a poco sta uccidendo quella che sarebbe stata la mia vita

La fibromialgia mi sta lentamente uccidendo. Prendi parti di me, la mia forza, il mio orgoglio e la mia anima. 

La diagnosi di fibromialgia è la condanna a morte, per quello che una volta era una vita normale. Ho vissuto con questo per sette anni, e non ho ancora finito quello che avevo programmato, dovrei, in questo momento, prepararmi a studiare un anno all’estero. 

Dovrei parlare correntemente in un’altra lingua. Dovrei avere i postumi di una sbornia ogni domenica dopo aver passato una serata con gli amici, ma resto a letto tutto il giorno, tutti i giorni. Oppure rimango sul divano. Vado a casa di qualcun altro e mi sdraio sul suo letto o sul suo divano. La fibromialgia è un acerrimo nemico, geloso. 

Lui è sempre lì a cercare di sconfiggermi. È come il cattivo in un vecchio film muto. Invece del pubblico sapendo che il cattivo è lì e il protagonista non si rende conto, in questo caso, solo io posso vederlo e il mio pubblico è cieco.

È come se la mia forza fisica ed emotiva fosse costituita da piccole fiches. Ogni battuta d’arresto mi porta via. Non so quanto ci vorrà prima che tutto in me crolli. 

La fibromialgia ha rimosso le fondamenta, le fondamenta che ho costruito per più di venti anni, vivendo la mia vita. Mi sento come un  gioco di Jenga , ogni volta che la fibromialgia mi colpisce,  vado un passo più vicino a cadere a terra. 

Forse mi sono già schiantato e colpito. Forse sono in secondo piano. Se non sapessi quale sia questa condizione, direi che probabilmente è lì. Questo è il più basso che penso possa essere. Potrei provare il peggior dolore che abbia mai avuto e la mia fibromialgia la considera una sfida perché so che la prossima volta sarà peggio. 

Alcuni focolai sono migliori di altri, ma mettono alla prova la mia forza fisica ed emotiva, più di quanto avrei potuto immaginare in precedenza. La fibromialgia non è una scusa immaginaria, non avrei mai scelto questa vita per me stesso, e se avessi la possibilità di liberarmi del demone che mi sostiene, lo farei senza esitazione. Questa è la mia vita

Questo è reale Questo sono io, sono e sarà con me in ogni momento della giornata, per il resto della mia vita. Il diavolo mi ha sussurrato ieri all’orecchio “Non sei abbastanza forte per sopportare la tempesta” Oggi ho sussurrato nell’orecchio del diavolo “Io sono la tempesta” Sono un guerriero di fibromyalgia.jessica stredd pudicombe 

Inoltre, ci sono notti come questa, dove mi sento perso. Perso nelle emozioni, nei pensieri, nel dolore e in quello che verrà. Comprendiamo pienamente gli alti e bassi delle nostre emozioni, felici un minuto, poi arrabbiati, poi tristi, poi nervosi, ecc. Ecc. È un ottovolante di alti e bassi.

Aggiungi altre malattie croniche ed è un inferno! Uomo, donna, il peso della malattia cronica fa crollare il nostro mondo. A volte sentiamo che le cose sono sotto controllo. Abbiamo raggiunto un accordo con la nostra realtà, sappiamo che le cose non saranno mai quelle che erano, e ci adattiamo e impariamo a vivere con ciò che è diventata la nostra vita. 

Ma a volte, a volte, la realtà di ciò che sta arrivando si apre e supera la nostra vita. Sappiamo che la nostra vita, come lo sapevamo, non sarà più la stessa: la vita di cui un tempo godevamo è stata distrutta da questa forza malvagia che determina ciò che facciamo e ciò che non possiamo fare. Ci sono giorni buoni e giorni brutti, alti, bassi, alti e bassi. 

Guardavamo e progettavamo il futuro, o viviamo nel presente con coloro che amiamo. Ora, in cosa consiste? Nel nulla! I piani che abbiamo fatto con gli amici, beh, forse è un’altra volta. La festa con la nostra famiglia, bene, vai e dai i miei saluti. 

Fare piani è come qualsiasi gioco in fiera, è imprevedibile. Vogliamo più di ogni altra cosa far parte di tutti i piani che sono stati fatti, ma non possiamo garantire nulla. Vogliamo davvero essere parte di ciò che fanno le nostre famiglie, vogliamo essere in grado di fare piani e seguirli. Vogliamo lavorare, vogliamo andarcene, vogliamo essere parte del mondo in cui siamo stati coinvolti una volta, a volte dobbiamo dire di no, fare un passo indietro e rispettare ciò che i nostri corpi ci dicono. 

Possiamo dire, no, non oggi. Altre volte diremo di sì, continueremo con i piani, cercheremo di essere parte della vita, per una volta, almeno possiamo fingere e dire che è stato divertente, è stato bello andarsene. Ma domani succede. I nostri corpi dicono che stavi pensando ?! 

La vita che conoscevamo una volta era così diversa da quella che pensavamo sarebbe stata. Cerchiamo davvero di mantenere una certa apparenza di ciò che pensiamo che le cose potrebbero essere. Ma nessuno, nessuno è preparato per questa vita che stiamo vivendo. Continueremo a cercare di mantenere i piani che abbiamo fatto, ma, per favore, non arrabbiarti o giudicarci, se cambiano.

Facciamo fatica a mantenere una vita “normale”, che ci è stata tolta. Cosa abbiamo lasciato? D’ora in poi, tutto ciò che possiamo fare è essere positivi, umili e, soprattutto, essere pazienti con noi stessi. Prenditi del tempo per noi, prenditi del tempo per piangere con noi, prenditi un po ‘di tempo per riflettere, prenditi del tempo per imparare con noi, qual è la nostra nuova normalità. E, soprattutto, prenditi un minuto per concentrarti su noi stessi, ciò che funziona per noi e ciò che ci rende felici. Impara a vivere questa nuova esistenza, impara ad apprezzare ciò che possiamo ancora vivere e amare ogni giorno. Prendilo un giorno alla volta, vivilo giorno per giorno, ora per ora o minuto per minuto.

Leave a Reply

Scroll to Top