FIBROMYALGIA e il dolore dei PIEDI.

Le cause per cui una persona può sviluppare una sensazione di formicolio e bruciore alle gambe possono essere molteplici. I focolai di parestesia -sensibilità nella pelle- sono diabete, neuropatia periferica, sclerosi multipla, problemi di sciatica e fibromialgia. Sia la sensazione di bruciore che il formicolio possono anche avere la loro origine in problemi di circolazione temporanea o che sorgono come risultato, ad esempio, di una posizione errata di un piede. La sensazione di spilli e aghi nell’area dei piedi caratteristica della parestesia può essere, a priori e in stati miti, un semplice disagio; Tuttavia, questa sensazione diventa dolorosa man mano che si sviluppa, motivo per cui è fondamentale analizzare il dolore del piede nella fibromialgia.

La fibromialgia è un disturbo in cui i nervi del corpo sono molto infiammati e sensibili. Ci sono diverse classi Fibromialgia primaria o fibromialgia grave, per esempio. Una delle teorie che ruotano intorno a questo tipo di pazienti è la possibilità che siano ipersensibili al dolore nervoso a causa di un eccesso della quantità di sostanza chimica neurologica che invia segnali al cervello affinché il corpo percepisca il dolore.

Quando una persona soffre di questa patologia, alcuni dei disturbi più comuni sono il dolore alle braccia e persino il dolore alla mascella. Così sono i disagi ai piedi. Come regola generale, nella stessa pianta di questi. La fibromialgia colpisce l’emergere di questo dolore così come, ad esempio, la fascite plantare, l’infiammazione del tessuto spesso nella pianta o nella parte inferiore del piede. Questo tessuto mantiene le dita collegate al calcagno, creando così l’arco del piede.

Per qualificarsi per un trattamento adeguato è di vitale importanza escludere la fascite plantare come causa del dolore del piede per concentrarsi sulla fibromialgia o sul dolore invisibile. In questo senso, facci sapere cos’è la fascite plantare concretamente. Questa patologia si verifica nel momento in cui la fascia spessa di tessuto sulla pianta del piede è tesa o sovraccaricata troppo. Questo allungamento o sovraccarico può causare un forte dolore al paziente e persino impedire il semplice fatto di camminare. I seguenti fattori influenzano una maggiore possibilità di sofferenza fascite plantare:

Sai che con BonoMedico puoi andare a più di 2.500 specialisti per soli 39 € per consulenza? Senza tasse mensili, paghi solo se vai dal dottore. Controlla qui come funziona.

Esistenza di piede piatto o arco plantare alto. 
Percorrere lunghe distanze in discesa o su superfici irregolari. 
Aumento di peso improvviso 
Tendine di Achille teso. 
Scarpe con scarso sostegno plantare o suole morbide . 
Fascite plantare manifesta gli stessi primi sintomi della fibromialgia che provoca dolore ai piedi, come una delle lamentele più comuni sono dolore e rigidità nella parte inferiore del tallone, e questo peggio quando prendendo i primi passi per ottenere fuori il letto; dopo il resto; quando sali le scale; o dopo aver svolto un’attività intensa.

Se hai un problema di salute, ricorda che con BonoMedico puoi andare a più di 2.500 specialisti per soli 39 € a consultazione. Controlla qui come funziona.

Per escludere che il dolore del piede risponda alla fascite plantare, lo specialista eseguirà una serie di test ed esami fisici per dimostrare:

Sensibilità nella pianta del piede. 
Piedi piatti o archi alti. 
Gonfiore o leggero arrossamento del piede. 
Rigidità o tensione nell’arco della parte inferiore del piede. 
Quando si stabilisce un trattamento adeguato per alleviare questo tipo di dolore che si concentra sugli arti inferiori, gli specialisti formulano le seguenti raccomandazioni:

Utilizzare paracetamolo o ibuprofene per ridurre il dolore e l’infiammazione. 
Esegui esercizi di stretching del tallone e del piede. 
Usa le stecche mentre dormi per allungare il piede. 
Riposa e resta il più a lungo possibile. 
Indossare scarpe con un buon supporto e ammortizzazione. 
Un altro tipo di misura che può alleviare il dolore ai piedi nella fibromialgia sta applicando ghiaccio sulla zona del tallone e utilizzare ortopedico. Se non funziona, si può ricorrere a l’ uso di modelli su misura o iniezioni di steroidi.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *