Sono un medico di fibromialgia. Ecco cosa voglio che la gente capisca.

La fibromialgia, una malattia ampiamente fraintesa, confonde e frustra pazienti e medici. Lo so perché ho visto da entrambe le parti – sia come medico che come donna con me stesso. 
Questa comune malattia cronica è caratterizzata da dolore muscolare generalizzato, affaticamento e nebbie cerebrali. Si stima che 5 milioni di americani soffrano attualmente del disturbo e quasi il 90% di quelli diagnosticati sono donne.

Tuttavia, c’è ancora molta confusione sulla malattia e su come viene trattata. Ecco cinque verità sulla fibromialgia che non sono nemmeno conosciute dalla maggior parte dei medici:

1. La fibromialgia è reale e può essere trattata, ma richiede un approccio olistico.

La ricerca sulla fibromialgia è rimasta indietro rispetto altre patologie caratterizzate da polemiche e una discussione se il secolo è una malattia “reale”.

Ciò è cambiato nel 2002, quando uno studio innovativo ha mostrato anomalie nel modo in cui il cervello tratta il dolore fibromialgico. Questi studi di brain imaging hanno fornito dati oggettivi per dimostrare che la fibromialgia è “reale” e ha scatenato un decennio di un’intensa attività di ricerca, che ha portato in tre FDA – farmaci approvati che indicano i segni dolorosi di dolore. 
Ma questi farmaci non affrontano i sintomi di una diffusa, spesso più debilitante, fatica e pensiero, chiamato “fibrofog”. Per fare questo, medici e pazienti devono essere ben informati sulle diverse opzioni di trattamento, in particolare approcci olistici, come modificazione della dieta per ridurre l’infiammazione o aggiungere integratori per aumentare la produzione di energia cellulare.

2. Non è più un mistero completo.

Sento spesso il mito ripetuto che “non sappiamo cosa causa la fibromialgia”. Una recente ricerca da parte dei medici rivela che la maggior parte dei medici non sa ancora come aiutare i loro pazienti con fibromialgia nonostante l’esistenza di trattamenti altamente efficaci. La fibromialgia è spesso descritta nelle riviste mediche come “perplessa”, “misteriosa” e “confusa”.

Le pubblicità televisive che dicono che la fibromialgia è una condizione di dolore iperattivo, i nervi non raccontano tutta la storia. In realtà, i problemi di gestione del dolore sono solo la punta dell’iceberg. Un fattore molto più grande è una risposta allo stress (o al pericolo) che è stato estinto ed è costantemente in “allarme rosso”, provocando una reazione a catena che provoca affaticamento, nebbie cerebrali e dolore muscolare.

L’unico modo per migliorare in modo permanente tutti questi sintomi è quello di affrontare sistematicamente gli effetti negativi sul corpo di una risposta cronica iperattiva allo stress. Una risposta allo stress cronicamente attivato provoca scompiglio, previene il sonno profondo e mantiene i muscoli tesi, causando dolore e sensibilità; digestione ostacolante e produzione di energia; ed eliminare gli ormoni. Risulta anche che i nervi sensibili al dolore aumentano il volume dei loro segnali.

3. La fibromialgia è principalmente un disturbo del sonno.

Sfortunatamente, molti medici, anche esperti del sonno, non sono a conoscenza dei problemi del sonno che accompagnano la fibromialgia. Ma la fibromialgia è, sotto molti aspetti, un disturbo del sonno, uno stato di deprivazione profonda e cronica del sonno. Gli studi hanno ripetutamente dimostrato che i pazienti soffrono di sonno profondo inadeguato, spesso interrotto da onde cerebrali “sveglie”. Questa fame di sonno profondo contribuisce alla stanchezza, al dolore muscolare e al pensiero nebbioso caratteristico della malattia.
Trattare il sonno è la chiave per il trattamento della fibromialgia, ed è qui che vedo più modi per ridurre il dolore, la fatica e la nebbia del cervello. Anche se il sonno dovrebbe sempre essere migliorato prima che altri trattamenti funzionino, è essenziale affrontare questo problema con il medico per trattare i problemi nascosti del sonno come l’apnea ostruttiva del sonno, e quindi aggiungere farmaci. e integratori per ripristinare il sonno profondo normale.

4. La maggior parte dei medici non sa molto della fibromialgia e non è colpa loro.

La fibromialgia è una malattia orfana che non è rivendicata da alcuna specialità e si sovrappone invece goffamente nelle aree di reumatologia, neurologia, sonno e medicina del dolore. La maggior parte delle cure si riferisce ai medici sommersi che si occupano di cure primarie e che non hanno tempo per cercare nuove idee terapeutiche nel mare delle pubblicazioni mediche. Le principali riviste mediche trascurano la fibromialgia. Infatti, dal 1987, solo uno studio sulla fibromialgia è stato pubblicato nel New England Journal of Medicine, la pubblicazione medica più pubblicata al mondo.

In qualità di fornitore di cure primarie occupato non ha il tempo di cercare attivamente nuovi trattamenti per la fibromialgia, la ricerca dovrebbe essere portato alla vostra attenzione un altro modo, ad esempio, dai loro pazienti. Così nel mio nuovo libro, The FibroManual, includere una guida di una consulenza medica professionale sanitaria sostenuta dalla ricerca in modo che i pazienti avrebbero catturare l’attenzione del medico.

La fibromialgia, una malattia ampiamente fraintesa, confonde e frustra pazienti e medici. Lo so perché ho visto da entrambe le parti – sia come medico che come donna con me stesso.
Questa comune malattia cronica è caratterizzata da dolore muscolare generalizzato, affaticamento e nebbie cerebrali. Si stima che 5 milioni di americani soffrano attualmente del disturbo e quasi il 90% di quelli diagnosticati sono donne.

Tuttavia, c’è ancora molta confusione sulla malattia e su come viene trattata. Ecco cinque verità sulla fibromialgia che non sono nemmeno conosciute dalla maggior parte dei medici:

  1. La fibromialgia è reale e può essere trattata, ma richiede un approccio olistico.

La ricerca sulla fibromialgia è rimasta indietro rispetto altre patologie caratterizzate da polemiche e una discussione se il secolo è una malattia “reale”.

Ciò è cambiato nel 2002, quando uno studio innovativo ha mostrato anomalie nel modo in cui il cervello tratta il dolore fibromialgico. Questi studi di brain imaging hanno fornito dati oggettivi per dimostrare che la fibromialgia è “reale” e ha scatenato un decennio di un’intensa attività di ricerca, che ha portato in tre FDA – farmaci approvati che indicano i segni dolorosi di dolore.
Ma questi farmaci non affrontano i sintomi di una diffusa, spesso più debilitante, fatica e pensiero, chiamato “fibrofog”. Per fare questo, medici e pazienti devono essere ben informati sulle diverse opzioni di trattamento, in particolare approcci olistici, come modificazione della dieta per ridurre l’infiammazione o aggiungere integratori per aumentare la produzione di energia cellulare.

  1. Non è più un mistero completo.

Sento spesso il mito ripetuto che “non sappiamo cosa causa la fibromialgia”. Una recente ricerca da parte dei medici rivela che la maggior parte dei medici non sa ancora come aiutare i loro pazienti con fibromialgia nonostante l’esistenza di trattamenti altamente efficaci. La fibromialgia è spesso descritta nelle riviste mediche come “perplessa”, “misteriosa” e “confusa”.

Le pubblicità televisive che dicono che la fibromialgia è una condizione di dolore iperattivo, i nervi non raccontano tutta la storia. In realtà, i problemi di gestione del dolore sono solo la punta dell’iceberg. Un fattore molto più grande è una risposta allo stress (o al pericolo) che è stato estinto ed è costantemente in “allarme rosso”, provocando una reazione a catena che provoca affaticamento, nebbie cerebrali e dolore muscolare.

L’unico modo per migliorare in modo permanente tutti questi sintomi è quello di affrontare sistematicamente gli effetti negativi sul corpo di una risposta cronica iperattiva allo stress. Una risposta allo stress cronicamente attivato provoca scompiglio, previene il sonno profondo e mantiene i muscoli tesi, causando dolore e sensibilità; digestione ostacolante e produzione di energia; ed eliminare gli ormoni. Risulta anche che i nervi sensibili al dolore aumentano il volume dei loro segnali.

  1. La fibromialgia è principalmente un disturbo del sonno.

Sfortunatamente, molti medici, anche esperti del sonno, non sono a conoscenza dei problemi del sonno che accompagnano la fibromialgia. Ma la fibromialgia è, sotto molti aspetti, un disturbo del sonno, uno stato di deprivazione profonda e cronica del sonno. Gli studi hanno ripetutamente dimostrato che i pazienti soffrono di sonno profondo inadeguato, spesso interrotto da onde cerebrali “sveglie”. Questa fame di sonno profondo contribuisce alla stanchezza, al dolore muscolare e al pensiero nebbioso caratteristico della malattia.
Trattare il sonno è la chiave per il trattamento della fibromialgia, ed è qui che vedo più modi per ridurre il dolore, la fatica e la nebbia del cervello. Anche se il sonno dovrebbe sempre essere migliorato prima che altri trattamenti funzionino, è essenziale affrontare questo problema con il medico per trattare i problemi nascosti del sonno come l’apnea ostruttiva del sonno, e quindi aggiungere farmaci. e integratori per ripristinare il sonno profondo normale.

  1. La maggior parte dei medici non sa molto della fibromialgia e non è colpa loro.

La fibromialgia è una malattia orfana che non è rivendicata da alcuna specialità e si sovrappone invece goffamente nelle aree di reumatologia, neurologia, sonno e medicina del dolore. La maggior parte delle cure si riferisce ai medici sommersi che si occupano di cure primarie e che non hanno tempo per cercare nuove idee terapeutiche nel mare delle pubblicazioni mediche. Le principali riviste mediche trascurano la fibromialgia. Infatti, dal 1987, solo uno studio sulla fibromialgia è stato pubblicato nel New England Journal of Medicine, la pubblicazione medica più pubblicata al mondo.

In qualità di fornitore di cure primarie occupato non ha il tempo di cercare attivamente nuovi trattamenti per la fibromialgia, la ricerca dovrebbe essere portato alla vostra attenzione un altro modo, ad esempio, dai loro pazienti. Così nel mio nuovo libro, The FibroManual, includere una guida di una consulenza medica professionale sanitaria sostenuta dalla ricerca in modo che i pazienti avrebbero catturare l’attenzione del medico.

Leave a Reply

Scroll to Top