Fibromialgia, una morte lenta: una malattia che può durare fino a 10 anni per essere diagnosticata

La fibromialgia non si vede, soffre. La fibromialgia è invisibile, ma milioni che ne soffrono non lo sono.

Perché la fibromialgia è diventata un problema di salute.

Sebbene le istituzioni continuino a guardare altrove, la fibromialgia è una realtà che continua a crescere, indipendentemente dalla classe sociale, dal livello culturale, dall’età o dal punto cardinale. Può iniziare nell’infanzia e peggiorare nel corso degli anni, con la comparsa di nuovi sintomi.

Lungi dall’essere psicologico, come molti hanno sostenuto, l’ultima ricerca suggerisce che il mondo è una malattia neuro-immunitario e, di conseguenza, impegna tutti i sistemi del corpo e può comparire in più di trenta diversi sintomi. I più invalidanti sono il dolore e la stanchezza cronica.

“La fibromialgia è una malattia cronica e debilitante di causa sconosciuta e senza un trattamento efficace.”

Per molti anni, ha evitato questa definizione e ha preferito il bugiardo, arrabbiata, nevrotica, paziente depresso, ingannatore, victimista … al punto che la maggior parte della società ritiene che la fibromialgia è sinonimo di cuentista e tutte le sedi sono attribuiti ad un modo dispregiativo e diffidente parlato da questi pazienti.

Coloro che sono coinvolti sono esposti a un “processo popolare” con un verdetto: “ergastolo” condannato ad essere imprigionati nelle loro case, per non preparare, non ridete … perché se lo fanno, la riprogettazione. “Non sarà così male come tutto è stato risolto”, “Guarda come ride, non farà molto …”

Oltre ad essere malato, la società pone anche domande sul loro diritto a vivere e ad essere felici. Le persone con problemi fisici che hanno successo a livello sportivo o personale sono esempi da seguire e ispirare ammirazione, e nessuno dubita della loro disabilità. Questa ammirazione ed empatia sono evidenti in tutte le malattie, tranne la fibromialgia.

Il paziente con fibromialgia che, nonostante la malattia, diventa felice e di successo nonostante le grandi difficoltà, non è apprezzato per la sua forza e il desiderio di eccellere, né è un esempio di vita, è semplicemente un motivo per cui la tua diagnosi deve essere discussa. e, insieme a lui, la professionalità del dottore che gli ha dato questo.

Il fatto che la dura realtà di questa grave malattia sia stata rifiutata per così tanto tempo ha causato danni fisici e mentali irreparabili a molte persone colpite.

trattamento

In termini di salute, la polifarmacia è stata abusata e i tossicodipendenti sono stati creati, e il fatto che il loro ambiente e la società siano “nulla” ha portato alla disgregazione della famiglia, alle intimidazioni e ai licenziamenti. e frasi sfavorevoli. Incapacità di lavorare

Quando, per tutto questo danno aggiuntivo, il paziente è immerso nella depressione, la persona che rimane ossessionata dal rifiuto delle prove è confermata dal fatto che “il loro problema è psicologico”.

Anni fa potremmo giustificare questo “trattamento inadeguato” a causa dell’ignoranza sull’origine della patologia, ma dopo 30 anni non funziona più. Sebbene non conosciamo ancora l’origine, sebbene non ci sia ancora un indicatore misurabile, è tempo di assumersi la responsabilità e cercarla.

Perché la fibromialgia si è evoluta da un problema di salute a un problema sociale. Colpisce il 5,4% della popolazione, il 92,7% è una donna a rischio di esclusione sociale.

“La fibromialgia è una condizione cronica e debilitante di causa sconosciuta e senza trattamento efficace”. Questa è una frase semplice e facile da capire, è il momento di accettarla, assumersi la responsabilità e agire di conseguenza, ad esempio investendo in ricerca e risorse. Per il corretto trattamento della malattia.

La fibromialgia non è solo un dolore, come alcuni dicono, come se non fosse molto. Colpisce tutto il corpo, quindi il paziente passa dalla specializzazione alla specialità medica per molti anni, fino a quando viene fatta una diagnosi che non aiuta molto, dal momento che il farmaco prescritto non fa sparire il dolore.

Il risultato è un onere straordinario per il sistema sanitario e la perdita del tempo del paziente, che aggiunge ai suoi sintomi gli effetti collaterali della polifarmacia e della frustrazione. La frustrazione è condivisa anche dai medici che vogliono aiutare il paziente, ma si sentono impotenti a causa della mancanza di tempo, in consultazione e risorse per affrontare modo multidisciplinare che meritano.

La soluzione è avere la volontà politica di investire nella ricerca e nella formazione di medici esperti per guidare queste unità. Questa forma di assistenza sarebbe più economica per il sistema e migliorerebbe la qualità della vita del paziente e, quindi, dell’ambiente familiare e professionale. Forse uno dei motivi per cui non stai studiando, perché “la fibromialgia non muore …”

Con la fibromialgia, non vivi, sopravvivi.

Leave a Reply

Scroll to Top