GRADI DI FATICA IN SINDROME DI FATICA CRONICA

La CFS è una malattia grave e invalidante che mostra una molteplicità di sintomi che, secondo ogni paziente, possono manifestarsi in più o meno quantità e più o meno intensità (per maggiori informazioni vedi i post: “Percentuale della popolazione affetta da CFS e FM in Spagna “,” Differenze tra astenia, stanchezza cronica e sindrome da stanchezza cronica “,” Bibliografia su CFS, SQM e FM “,” Sindrome da stanchezza cronica e fibromialgia, in poche parole “, tra gli altri).

Related image

Tuttavia, l’affaticamento cronico (stanchezza persistente che non si attenua con il riposo) è il sintomo perenne e più intenso per tutti i pazienti. Quindi, questa malattia è chiamata dal suo sintomo più caratteristico (Sindrome da Stanchezza Cronica), un significato che non piace al paziente, ed è molto messo in discussione in generale, perché questo nome lo rende, oltre ad essere una malattia poco conosciuta , la gente pensa che sia “poco importante” e non quello che è: una patologia seria e seria, multisistemica (vedi più nel post: “Sindrome da stanchezza cronica e fibromialgia in poche parole”)

Dopo anni di esperienza con i pazienti con CFS, Dr. Joaquim Fernández-Solà, coordinatore dell’Unità di affaticamento cronico Hospital Clinic di Barcellona (sistema pubblico), ha offerto una valutazione della fatica in quattro livelli, a seconda del grado di impatto sulla qualità della vita e attività quotidiane del paziente.

Questa tabella è attualmente il punto di riferimento per misurare il livello di gravità della fatica in SFC.

GRADO 1 DI FATICA (LEVE):  consente al paziente di condurre una vita praticamente normale, che non lo limita alle attività lavorative o di svago. 
* l’affaticamento (cioè “fastidio o affaticamento dopo 24 ore”) appare quando è necessario fare un esercizio o un’attività fuori dall’ordinario. 
* Si può diventare più evidente se ci sono processi che coesistono con esso (ad es., Una malattia infettiva intercurrente), o di qualsiasi circostanza che altera il normale ritmo vitale (es., Non dormire bene durante una stagione seguita).

In generale, l’incidenza sulle attività della vita quotidiana è inferiore al 20% e l’ambiente del paziente non nota facilmente questa sintomatologia.

FATICA Grado 2 (media):  ed è un più importante e più costante nella situazione di vita delle interferenze paziente.

* È difficile per te svolgere la tua attività lavorativa. 
* A volte non è possibile portare a termine alcuni compiti che erano stati avviati, oppure fallire in alcuni obiettivi prestabiliti (ad es. Studi o corsi di aggiornamento). 
* può richiedere assenze dal lavoro episodico. 
* Questa situazione si aggrava quando le malattie o le situazioni concomitanti coincidono (infezioni, cambiamenti dell’umore, cambiamenti stagionali).

In generale limita le attività della vita quotidiana tra il 30-50% e viene rilevato dall’ambiente del paziente, che apprezza un cambiamento sostanziale del paziente rispetto alla situazione precedente alla malattia

GRADE 3 OF FATIGUE (SEVERE):  suppone una ripercussione importante e marcata sulle attività della vita quotidiana. Invalida il paziente per qualsiasi attività che comporti uno sforzo continuo

* il paziente non può lavorare 
* Puoi svolgere solo attività minime di lieve intensità e transitoriamente. 
* riguarda tutte le aree vitali (lavoro, tempo libero, vita sessuale). 
* di solito mantenuti costantemente, con riacutizzazioni durante le malattie concomitanti che 

colpiscono più del 50%.

GRADO 4 FATICA (ESACERBATION):  è una situazione di esacerbazione transitoria al punto che il paziente non può spostarsi dal letto e ha bisogno di aiuto per le attività di base. Di solito non dura più di dieci giorni.

Leave a Reply

Scroll to Top