Fibromialgia: la malattia dell’incomprensione nei confronti delle donne

Sono passati venticinque anni, ma siamo sempre gli stessi. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto la fibromialgia come un’entità clinica incorporata nella classificazione internazionale delle malattie ma oggi, i pazienti, perché soprattutto sono donne, non possono essere compresi dal loro ambiente, spesso a causa della loro medico e la maggior parte della giornata al lavoro.

Modifica o un’interruzione della struttura o la funzione di una parte del corpo con sintomi caratteristici e segni e la cui eziologia e la prognosi può essere nota o ignota, data la conclusione di una diagnosi di fibromialgia necessariamente influenza la vita delle donne per almeno due decenni La combinazione di molteplici fattori genetici, alterazioni epigenetiche che influenzano il dolore, lo stress e tutti i sintomi che porta ad un deterioramento della emotivamente persona per la loro mancanza di credibilità quando si tratta di una notte.

La fibromialgia è una condizione dolorosa, senza un’eziologia organica conosciuta caratterizzata da una diffusa dolore muscoloscheletrico, aumento della sensibilità al dolore, rigidità, affaticamento, stanchezza cronica, disturbi del sonno, sindrome del colon irritabile, la depressione e mal di testa tensione tra gli altri. Questa malattia è subito da 75% per le donne e solo il 25% degli uomini, è tra il 2 e il 3% della popolazione, suggerendo che vi sia almeno un milione in Spagna duecentomila persone che soffrono .

Dalla medicina interna alla psichiatria, la paziente di solito sente di non essere compresa dalla comunità medica che le fa fare diversi test e tutti o quasi tutti non presentano sintomi clinici. Ciò suppone che, poiché i sintomi sono comuni a molte patologie definite, non è possibile raggiungere una diagnosi definitiva e andare al digestivo, al cuore, ai polmoni e così via. Alcuni medici che non sono reumatologi non considerano la malattia come un’entità da trattare poiché tutti i risultati sono normali.

L’ansia e l’incertezza a parte l’impotenza di chi la soffre e non si crede, porta molti pazienti a ritirarsi e gettare la spugna per un quadro depressivo. Cambiamenti nello stile di vita, mancanza di motivazione per continuare, mancanza di forza aggiunta al dolore cronico rendono superfluo questo quadro molto complicato. Questo reumatismo delle parti molli del corpo che è stato riferito a secoli fa dal dolore e dalla rigidità dei muscoli è sempre stato associato alla malinconia o alla tristezza.

In questo senso, è necessario indicare diversi agenti scatenanti che possono causare la malattia e quindi i  dolori acuti. 

 Nessun potere, o non sapendo come a gestire le situazioni difficili e di vivere una situazione traumatica come la separazione, la perdita di una persona cara, essere disoccupati ecc, possono innescare parte della malattia, anche se ci sono casi che sono debuttato dopo aver appreso che il paziente avere artrite reumatoide, lupus eritematoso o spondilite anchilosante.

Una volta che la malattia è stata dimostrata, le alterazioni neurobiologiche sofferte dai pazienti e le alterazioni biochimiche del cervello che sono state trovate nei test sono state considerate allo stesso modo. Con le parole,  “tutto fa male”  pazienti accusano dolore, disagio, bruciore, rigidità, dolore generalizzato, formicolio, stanchezza costante, mal di testa, mestruazioni irregolari, sindrome del colon irritabile, dolore toracico, rigidità mattutina, deficit cognitivo, difficoltà di memoria, formicolio, crampi, vescica irritabile, tra gli altri sintomi.

L’espressione della malattia da parte dei pazienti varia a seconda dell’età e delle circostanze e influenze personali non solo ciò che sta accadendo, ma come sta apprezzando e malintesi o no, si sente intorno a lui. Questi dolori spesso sfociano in dati falsamente interpretate suggeriscono la depressione, isteria o l’ipocondria, non sempre comprensibile per l’ambiente e il dolore mantenuto nel corso dei mesi può innescare le immagini mentali di approccio complesso che porta inesorabilmente alla incapacità Assoluto se non viene reindirizzato correttamente, il dolore viene gestito e viene raggiunto un equilibrio emotivo che aiuta ad affrontarlo.

Se sei un donna e sento molto dolore in una sola volta, il dolore non specifico, stanchezza cronica e ha tra i 35 ei 65 anni, vedere un reumatologo per valorizzare tutti insieme e scartare se si dispone di fibromialgia o qualche malattia reumatologica. Sapere cosa sta succedendo è il più importante in questa patologia che richiede circa tre lunghi anni per essere diagnosticato. La malattia dell’incomprensione, senza dubbio, che molte donne soffrono e nessuno crede. Sarà una  malattia cronica,  ma dovrai imparare a conviverci con i trattamenti speranzosi che vengono attualmente testati.

Leave a Reply

Scroll to Top