Fibromialgia, una morte lenta: una malattia che può richiedere fino a 10 anni per essere diagnosticata

La fibromialgia non si vede, soffre. La fibromialgia è invisibile, ma i milioni che ne soffrono non lo sono.

Perché la fibromialgia è diventata un problema di salute

Sebbene le istituzioni continuino a guardare altrove, la fibromialgia è una realtà che continua a crescere, che non include classe sociale, livello culturale, età o punto cardinale. Può iniziare nell’infanzia e peggiorare nel corso degli anni, con la comparsa di nuovi sintomi.

Lungi dall’essere psicologico, come molti hanno insistito, le ultime ricerche nel mondo suggeriscono che si tratta di una malattia neuroimmune e quindi compromette tutti i sistemi corporei, e può apparire fino a più di trenta sintomi diversi. I più invalidanti sono il dolore e la stanchezza cronica.

“La fibromialgia è una malattia cronica e debilitante di causa sconosciuta e senza un trattamento efficace.”

Per molti anni ha evitato questa definizione e ha preferito accusare il paziente bugiardo, piagnucoloso, nevrotico, depressivo, imbroglione, vittimaista … tanto che la maggior parte della società ha creduto che la fibromialgia sia sinonimo di cuentista e che tutti i forum siano parlati in modo sprezzante e sospettoso di questi pazienti.

Le persone interessate sono esposte a un “processo popolare” con un verdetto: “reclusione per tutta la vita”, condannato a rinchiudersi a casa, a non prepararsi, a non sorridere … perché se lo fanno sono ridisegnati. “Non sarà così male quando tutto è sistemato”, “Guarda come ride, non farà male troppo …”

Oltre ad essere malato, la società mette in discussione il loro diritto di vivere e di essere felici. Le persone con difficoltà fisiche che hanno successo a livello sportivo o personale sono esempi da seguire e ispirare ammirazione, e nessuno dubita del loro handicap. Questa ammirazione ed empatia sono evidenti in tutte le malattie tranne la fibromialgia.

La paziente con fibromialgia che riesce a essere felice, nonostante la malattia, e riesce a riuscire, nonostante le grandi difficoltà, non è apprezzata per la sua forza e il desiderio di eccellere, né è un esempio di vita, è semplicemente una ragione per mettere in discussione il suo diagnosi e, con lui, la professionalità del medico che gliela ha donato.

Il fatto che la dura realtà di questa dura malattia sia stata negata per così tanto tempo ha causato danni fisici e mentali irreparabili a molte persone colpite.

Trattamento

In termini di salute, la polifarmacia è stata abusata e i tossicodipendenti sono stati creati e il fatto che il loro ambiente e la società siano “nulla” ha portato a guasti alla famiglia, molestie e licenziamenti. e frasi sfavorevoli. incapacità al lavoro.

Quando, per tutti questi danni collaterali, il paziente è sommerso da una depressione, chi rimane ossessionato dal rifiuto delle prove è confermato dal fatto che “il suo problema è psicologico”.

Anni fa potremmo giustificare questo “trattamento inappropriato” a causa dell’ignoranza dell’origine della patologia, ma dopo trent’anni non funziona più. Anche se non sappiamo ancora quale sia l’origine, anche se non c’è ancora un indicatore misurabile, è il momento di assumersi la responsabilità e iniziare a cercarla.

Perché la fibromialgia è passata da un problema di salute a un problema sociale. Colpisce il 5,4% della popolazione, il 92,7% sono donne a rischio di esclusione sociale.

“La fibromialgia è una condizione cronica e disabilitante di causa sconosciuta e senza trattamento efficace.” Questa è una frase semplice e comprensibile, è il momento di accettarla, assumersi la responsabilità e agire di conseguenza, ad esempio investendo in ricerca e risorse per il trattamento appropriato della malattia.

La fibromialgia non è solo un dolore, come qualcuno dice, come se non fosse molto. Colpisce tutto il corpo, così da anni il paziente passa dalla specializzazione alla specializzazione medica, fino a ottenere una diagnosi che non aiuta molto perché il farmaco prescritto non fa sparire il dolore.

Il risultato è una spesa straordinaria per il sistema sanitario e il tempo sprecato per il paziente, aggiungendo ai suoi sintomi gli effetti collaterali della polifarmacia e della frustrazione. La frustrazione è condivisa anche dai medici che vogliono aiutare il paziente, ma si sentono impotenti per la mancanza di tempo nelle consultazioni e nelle risorse per servirli in modo multidisciplinare come meritano.

La soluzione è avere la volontà politica di investire nella ricerca e nella formazione di medici esperti che gestiscono queste unità. Questa forma di assistenza sarebbe meno costosa per il sistema e migliorerebbe la qualità della vita del paziente e quindi dell’ambiente familiare e professionale. Forse uno dei motivi per cui non è studiato è perché “la fibromialgia non muore …”

Con la fibromialgia, non vivi, sopravvivi

Leave a Reply

Scroll to Top