Le capsule di olio di cannabis possono essere il miglior trattamento per la fibromialgia

Trattamento per la fibromialgia

Il trattamento della fibromialgia è molto simile ai trattamenti per qualsiasi malattia. Questo spesso inizia con il trattamento dei sintomi. Con questo disturbo, i sintomi creano una catena di punti delicati in tutto il corpo. Combina questo con estrema fatica e incapacità di dormire, e hai una miscela per una qualità della vita estremamente povera afflitta da dolore e disagio.

Trattamento medico di cannabis per fibromialgia

La prevalenza del trattamento con fibromialgia aumenta con l’invecchiamento della persona, sebbene l’80-90% di tutti i casi siano donne. I sintomi sono noti per peggiorare con persistenza mentre progrediscono e peggiorano a causa di condizioni meteorologiche, malattie e stress. Un profilo di cannabinoidi che è molto appropriato per questo disturbo, i pazienti sono stati identificati come CBD. Si suggerisce che i pazienti ottengano farmaci ricchi di CBD. Combinando sinergicamente un olio ricco di CBD con un olio contenente un basso THC, ai pazienti viene fornito un ulteriore sollievo.

Secondo un rapporto della National Pain Foundation e del National Pain Report, la cannabis medicinale è stata descritta come uno dei trattamenti più efficaci per ridurre il dolore causato dalla fibromialgia. Molti 1.300 pazienti con fibromialgia che hanno risposto al sondaggio hanno affermato di aver provato tutti e 3 i farmaci approvati dalla FDA. Un paziente ha spiegato che c’erano molti più effetti collaterali negativi per i farmaci approvati dalla FDA rispetto agli attributi positivi.

Alla domanda sull’efficacia di Cymbalta (Duloxetina), il 60% di coloro che hanno provato il farmaco ha detto che non ha funzionato per loro, mentre l’8% ha dichiarato che era molto efficace. Il 32% ha riferito che Cymbalta ha aiutato leggermente. Di coloro che hanno testato la Lyrica di Pfizer (pregabalin), il 61% non ha riportato alcun sollievo. Il 10% ha riferito che Lyrica è molto efficace, mentre il 29% ha dichiarato di aver contribuito leggermente.

Qualificando Savella (Milnacipran) dai Forest Laboratories, il 68% di coloro che hanno seguito il farmaco ha detto che non ha funzionato. Il 10% ha dichiarato che era molto efficace e il 22% ha riportato un lieve sollievo.

Confrontando i risultati dello studio con quelli che avevano provato cannabis medica per i suoi sintomi di questo disturbo, il 62% ha affermato che era molto efficace. Un altro 33% ha detto che ha aiutato leggermente, mentre solo il 5% ha dichiarato che non c’era sollievo.

Leave a Reply

Scroll to Top