“Fai uno sforzo, signora.”

Fibromialgia e inverno: parliamone.

Secondo le informazioni meteo che arrivano nel mio angolo dell’Africa Centrale, le temperature di questa settimana sono le più difficili questo inverno, il primo che ho scoperto con la fibromialgia. Non era una sinecura, sono fuggito lo scorso gennaio, ho avuto molta paura di lasciare la mia pelle, l’inverno e la fibromialgia non si mischiano.

Ecco un testo pubblicato sul mio account Facebook lo scorso novembre sulle gelide manifestazioni di fibromialgia che mi hanno spinto ad andare al caldo rifugio a gennaio.

Sabato sera la voglia di fare il cibo, non gli arrosti alla griglia a cui sono abituato, o quei piatti fatti in casa che firmo da diversi mesi, ma questa volta un vero pasto. Alzarsi per un’ora in cucina è assolutamente impossibile, ho la brutta sensazione che la colonna vertebrale mi venga fuori ogni volta. Poi, sabato, armato di coraggio, ho preso l’ottima decisione di mangiare. Ho messo un po ‘di burro nella padella e ho iniziato a tritare le cipolle. Non sono andato molto lontano nella mia vita, le mie mani non mi avrebbero obbedito, erano intorpiditi e doloranti, la sensazione di avere pesi da 5 libbre in ognuno di loro.

È così che la mia avventura culinaria si è conclusa sabato sera.

Domenica sera sono andato a cena con la mia amica Martine che ha preparato un delizioso piatto del paese. Incapace di finire il pezzo che mi aveva servito, ho dovuto mettere le posate dopo 3 minuti. Da ora in poi il momento del pasto si trasforma molto rapidamente in tortura, i viaggi rotondi dal piatto alla bocca sono simili alle vere competizioni olimpiche. Ogni volta che finisco metà del mio piatto, sono stanco come una persona che torna dal Monte Camerun, sento il coraggio e il potere di un atleta al momento del tavolo. E le conversazioni? Non posso dire più di due frasi senza fare una pausa per ricaricare e qualche volta andare a letto per 5 minuti e poi riprendere la conversazione dove si è fermato, comunque, se ricordo naturalmente, perché con il freddo aumentano i dolori e anche i problemi cognitivi. Di conseguenza, sono principalmente occidentale.

I dolori aumentano, ogni giorno ho attraversato un nuovo livello che non sapevo esistesse il giorno prima. Oggi non posso più sedermi, ho i trampoli sulla schiena, sdraiato mi sento come se stavo su ferite aperte.

La scorsa notte sono andato al pronto soccorso, la schiena, le gambe e le braccia erano così dolorose che non riuscivo a tenermi fermo, e girare il mio appartamento come una leonessa in gabbia mi esaurisce e mi sottolinea ancora di più, non posso sopportarlo, sdraiato o sdraiato, e non so cosa fare con le mie braccia doloranti sul mio corpo. Non sono mai stato così felice di avere Kaba ngondo nel mio camerino, sai che questi tipi di abiti tradizionali tradizionali del Camerun ti hanno appena messo in testa, perché ci sono giorni in cui devo chiedere che indosso pantaloni o reggiseno, in modo che non succederà. Ieri sono stato convinto dal mio migliore amico Joviale ad andare al pronto soccorso. Ho chiamato un taxi.

Camminando a 20 metri dal parcheggio per la casa, ho pensato di lasciare il coraggio!

Non potevo nemmeno rispondere alle semplici domande che l’infermiera mi ha chiesto: “Il tuo indirizzo è americano street …? Il tuo numero di telefono 046 …? 3 Il dolore mi ha reso amnesico. Tutto quello che potevo dire era “Fibromialgia! Fibromialgia “Una dolorosa litania. Per fortuna ha capito l’urgenza, cinque minuti dopo è arrivata un’infermiera a prendermi.

Infermiera: togliti il ​​cappotto. 
Io: non posso, per favore aiutami. 
L’infermiera: ma hai fatto uno sforzo!

Così questa frase è piena di giudizio che mi rifiuto di ascoltare, il motivo per cui ho esitato ad andare al di emergenza, mentre io soffro il martirio, quella maledetta frase “fare uno sforzo”.

Dall’inizio di questo inverno ho vissuto a casa, le mie rare uscite sono nel mio medico di base e reumatologo, accetto di vedere solo persone “sicure”, che non mi giudicheranno, che non mi diranno “Patricia fa uno sforzo” ..

Ho guardato l’infermiera e volevo dirle: “Ho vissuto a Bruxelles per poco più di 2 anni, conosco metà dei servizi di questo ospedale dove sono stato operato due volte, ti guiderò nel tuo servizio ad occhi chiusi così che io sappia! Ma mai, anche nei momenti terribili in cui la speranza mi abbandona, non ho mai usato un’ambulanza, sono sempre venuto in taxi, l’immagine di me sdraiata su una barella come una persona impotente mi ha ucciso, rimane ancora briciole di orgoglio. Quindi caro estraneo, ti chiedo di aiutarmi a spogliarmi e tu mi chiedi di “fare uno sforzo”.
Tutto mi scorreva in testa, ma non ero in grado di dire tutta la rabbia che mi riempiva il cuore, potevo chiedere un respiro “Non posso, per favore” ed era già troppo, l’energia che mi chiede di formulare una frase … Si è tolto la giacca, ha tolto la tensione poi 5 minuti dopo è tornato per chiedermi se fosse meglio … .JI mi ha chiesto cosa fosse successo dalla sua partenza 5 minuti fa. Se ne andò senza una parola.
Così arrivo alla conclusione, forse in fretta, che per questa infermiera la mia malattia sarebbe psicotica, andare all’ospedale mi farebbe “migliorare”, è solo la sindrome della fibromialgia, perché renderla un dramma, ho chiesto ironicamente. Sono rimasto lì ad aspettare il medico di turno, ero così freddo, passava un’infermiera, ho chiesto se mi avrebbe coperto le gambe con il cappotto. Lei me lo mise sul petto e se ne andò. Scendendo alle mie gambe mi ha chiesto uno sforzo del genere … Mi sono rotto! Le lacrime che ho tenuto fin dalla mattina sono state rilasciate, versando grandi onde sulla mia faccia.
Sono solo fibromialgia, non disabile.
Quindi questo è il messaggio implicito ogni volta che sono passato al pronto soccorso. Questo per dire quanto questa malattia rimanga mal compresa e siamo stati doppiamente feriti perché siamo già prigionieri del nostro dolore. Quella notte, ho suggerito al medico di darmi un infuso di morfina direttamente, ha risposto che il tradonal, che è un derivato, sarebbe sufficiente. Lo pregai, spiegando che avevo appena interrotto il tradonal perché inefficiente: “No Mrs. Bakalack, niente morfina per te”.
L’infusione è stata completata dopo 3 ore. Ho ripetuto al dottore che non era abbastanza, ora potevo usare le mani, ma la schiena e le gambe erano ancora così dolorose da rimanere sordo alle mie richieste. Ho chiamato di nuovo un taxi e sono andato a casa alle 2 di mattina.
Sono passate otto ore e torno al pronto soccorso.
Loading...

Leave a Reply